5 frasi da dire ogni giorno ai bambini.

Nel nostro articolo precedente ne abbiamo parlato delle 10 frasi da non dire mai ai bambini. Certo, 10 non è il numero definitivo, l’elenco potrebbe allargarsi di tanto. Invece, oggi ne parleremo delle frasi, che i genitori dovrebbero dire ogni giorno ai propri figli.

Ci sono frasi, che spesso diamo per scontato e per questo non vediamo la necessità di dirle ad alta voce. Ma i nostri figli attendono di sentirsi dire queste parole, ne hanno bisogno. Cercate di ricordare sempre ai vostri bambini ciò che sentite per loro, e siate sinceri quando lo pronunciate.

1. “Mi piace trascorrere il tempo con te” o “Amo giocare con te”, oppure “Stare con te è divertente!”. I bambini hanno bisogno di sapere che il tempo trascorso insieme è stato bello e divertente anche per voi. Prima di andare a nanna potete ricordare insieme i momenti più belli della giornata passata.

2. “Quanto mi sei mancato/a” o semplicemente “Mi manchi tanto, se non ti vedo ” – ditelo ogni volta quando tornate dal lavoro, o se vi siete dovuti allontanare per altri motivi. I bambini devono sapere, che voi sentite la loro mancanza e che non ve ne andate perché lo volete, ma solo poiché dovete!

3. “Ti capisco” – fate sentire ai vostri figli che capite bene i loro problemi o le loro ansie. Ascoltateli se hanno voglia di parlare. Spesso i genitori non hanno tempo di fermarsi ed ascoltare i loro figli, e quando il tempo lo trovano i figli non sono più disposti a parlare. Quindi, cogliete occasione!

4. “Sicuramente ci riuscirai!”, “Andrà tutto bene!” – le frasi simili sollecitano i bambini a pensare positivo, ad aver fiducia nelle proprie forze e sentire l’approccio dei genitori. Dicendo ai bambini frasi del tipo: “Non è possibile”, “non ce la farai”… – i bambini si arrendono dopo qualche tentativo fallito e veramente pensano che non sia possibile. Spesso neanche noi grandi sappiamo bene i limiti del possibile, quindi non abbiamo il diritto di rubare i sogni dei piccoli, anche se ci sembrano troppo infantili.

5. “Ti amo”, “Ti voglio bene”, “Ti amo, anche quando sono arrabbiata”, “Ti amo, anche se sono lontano” – La frase più importante, che i vostri figli vogliono sentire da voi a qualunque età. E’ importante sapere, che quando sei bravo o ti comporti male, ci sono i tuoi genitori che ti amano semplicemente perché ci sei.

Infine,vogliamo ricordare: oltre alle parole, con le quali potete esprimere i propri sentimenti , ci sono anche i gesti. I gesti non sono meno importanti! Guardate i vostri figli con gli “occhi buoni”, abbracciateli, baciateli e ricambiate il loro amore con forza maggiore!

10 comandamenti dei genitori

“10 comandamenti per i genitori”, che poniamo alla vostra attenzione in questo articolo, è un qualcosa in più rispetto le regole proposte dalla moderna psicologia. Questi “comandamenti” sono stati scritti da un noto pedagogo, medico e scrittore polacco Janusz Korczak negli anni compresi tra la prima e la seconda guerre mondiali.

Korczak ha parlato dei diritti dei bambini molto prima che le Nazioni Unite hanno approvato la “Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia” (nel 1989).

Una breve descrizione: Janusz Korczak – ( nome vero – Henryk Goldszmit) – nacque nel 1878 a Varsavia in una ricca famiglia ebrea, ma fin da piccolo non sopportò il fatto di essere nato ricco. Janusz cominciò la sua attività medica presso gli ospedali per bambini, dove fu molto colpito dalla dignità e saggezza con la quale i bimbi affrontavano le proprie malattie e perfino la morte. Una dignità, alla quale possono invidiare gli adulti. Poi, visitando gli orfanotrofi in tutta l’Europa, sentì il forte desiderio di offrire ai bambini sfortunati degne condizioni di vita. Così, nel 1911, creò a Varsavia un orfanotrofio – “Casa degli orfani” ( una sorta di Repubblica per bambini ), dove ricoprì la carica del direttore fino alla morte. Durante l’occupazione della Polonia da parte della Germania nazista Korczak con i suoi alunni fu rinchiuso nel ghetto di Varsavia, dove stoicamente combatteva per la vita dei bambini, procurandogli il cibo e le medicine. Nell’agosto 1942, Korczak insieme agli insegnanti e 200 alunni della “Casa degli Orfani” furono uccisi nella camera a gas del campo di concentramento di Treblinka.

Janusz Korczak poteva salvarsi la vita. Molteplici volte gli era offerto l’aiuto, anche da parte degli alcuni nazzisti che ammiravano le sue opere letterarie… ma l’insegnante non abbandonò i propri bambini neanche difronte alla morte.

Korczak ha scritto più di 20 libri, mettendoci tutta la sua esperienza di medico ed educatore. Le sue idee, anche se sono state scritte all’inizio del secolo scorso, non hanno perso l’attualità oggi.

Amare i bambini, vedere la loro luce, nonostante tutto – ecco cosa ci insegna Korczak nei suoi scritti. Poniamo alla vostra attenzione 10 consigli utili per i genitori che ci lasciò in eredità il celebre insegnante:

1. Non aspettarti che il tuo bambino diventi come TE o come tu desideri. Aiutalo a diventare SE STESSO.

2. Non chiedere al tuo figlio di ripagarti per tutto ciò che fai per lui. Gli hai dato la VITA. Come potrebbe ripagarti? Darà la vita ad un’altro bambino, quest’ultimo al terzo… è questa l’irreversibile legge della gratitudine.

3. Non sfogare le proprie offese (la rabbia) sul tuo bambino, per “non mangiare il pane amaro” nella vecchiaia. poiché nella vita – quello che semini raccogli…

4. Non sottovalutare i problemi di tuo figlio. La vita è data a tutti a seconda delle loro forze, e stai sicuro, che per tuo figlio non è meno difficile di come lo sia per te, e forse un po di più, siccome non ha la tua esperienza.

5. Non umiliare!

6. Non dimenticare che gli incontri più importanti di ogni persona – sono gli incontri con i bambini. Prestategli più attenzione – non possiamo mai sapere chi incontreremo in un bambino.

7. Non torturarti se non puoi fare qualcosa per tuo figlio. Tormentati solo se lo puoi fare e non fai. Ricorda, per i bambini è stato fatto poco, se – non TUTTO.

8. Il bambino – non è un despota che s’impossessa della tua vita, e non solo il frutto del tuo corpo e sangue. E’ quella “coppa preziosa” che la vita ti ha dato in custodia e per lo sviluppo in essa del fuoco creativo. E’ l’amore immenso di una madre e un padre che faranno crescere non solo un figlio “nostro”, o “proprio”, ma l’ANIMA datagli in custodia.

9. Sappi amare i bambini degli altri. Non fare mai agli altri bambini, ciò che non vorresti che facessero al tuo.

10. Ama tuo figlio qualunque egli sia – senza talenti, perdente, goffo, egoista, incontrollabile, strano, adolescente difficile, adulto infelice… anche se non giustifica le tue aspettative. Comunica con tuo figlio e sii felice, perché il bambino è una “festa” che per il momento sta con te!

Consigli per educare i bambini all’ordine

Tenere la casa in ordine diventa molto difficile quando nasce un bambimo.  Le mamme si scontrano con due problemi fondamentali riguardo  l’ordine in casa: come educare i bambini a tenere i loro giocattoli in ordine? e come custodire  “tutta questa roba” per rendercela più facile?

1.       Cominciate a educare i vostri figli all’ordine fin da piccoli. Regolarmente coinvolgetegli nella rimessa in ordine. Vi chiedete da che età precisamente?  I bambini volentieri rispondono alla richiesta d’aiuto a partire da 1 anno. Spesso capita, che un bambino di 1 anno è più disposto ad aiutare che i bambini nell’età compresa tra 2-3 anni.  Poichè l’età 2-3 anni è il primo periodo difficile nel rapporto genitori-figli, i bambini diventano più coscienti, ma nello stesso tempo cominciano a mostrare il proprio carattere e con la propria ribellione cercano di capire come lontano possono arrivare.

2.       Mostrate un buon esempio. Inutile pretendere dai bambini di essere ordinati, se voi stessi non lo siete. Siate ordinati, poichè i vostri figli cercheranno sempre di assomigliarvi.

3.       Ogni cosa ha il suo posto. I bambini devono sapere di certo dov’è il posto preciso di ogni loro gioccattolo.

4.       Un giocattolo alla volta. Per evitare il disastro in cameretta è importante sviluppare nei bambini l’abitudine di giocare con un solo gioco alla volta, poi riporlo al posto suo e solo dopo prenderne un’altro. Certo, il termine “uno solo” non è ideale quando si tratta dei bambini, poichè spesso il loro gioco prevede tanti gioccatoli tutti insieme, allora è importante rimettere al posto quei giocattoli, che non sono legati con il vostro prossimo gioco.  Bisogna pur sempre ricordare, che i nostri bambini si sviluppano attraverso il gioco e non dobbiamo fermare la loro fantasia.

5.       Aiutare – si, rimettere tutto in ordine da soli – no! Non c’è nulla di male se aiutate i vostri figli a fare ordine, soprattutto se sono ancora piccoli, ma fate decisamente capire, che l’ordine dei giocattoli è il loro compito, e voi state soltanto prestando un aiuto.

6.       Fate la revisione dei giocattoli insieme ai vostri figli. I bambini crescono e con tempo ci sono i giochi e giocattoli che non si usano più. Regalateli o riponeteli in cantina, in modo da non ingombrare la cameretta e lasciare più spazio libero ai nuovi giochi e alle nuove idee.

7.       Insegnate a rispettare i giocattoli, i libri e tutto ciò che circonda i vostri figli. 

8.       Qualche trucco per motivare. Capita, che dopo aver giocato i bambini diventano capricciosi e non vogliono fare ordine. Potete spiegare che anche i giocattoli si sono stancati e vogliono andare a nanna al loro posto. Se non siete riusciti a convincere di rimettere al posto i giochi, non obbligate i vostri figli fare ordine per  forza. Il giocattolo non rimesso al suo posto potrebbe sparire per qualche giorno e comparirà di nuovo solo dopo la promessa di rimetterlo sempre al suo posto.

9.       Infine, sistemate tutti i giochi nella cameretta in modo razionale e creativo per rendere la rimessa in ordine più piacevole e facile . Come? In aiuto potete usare diverse scatole, secchi, cesta e molte altre cose, che con un poco di fantasia potete trasformare in decoro esclusivo.

Si ringrazia lo staff di Sotto il Cavolo per aver collaborato nella stesura dell’articolo.

Idee regalo da realizzare insieme ai bambini piccoli

Desiderate fare un regalo piacevole e gradito ad una donna speciale? Volete coinvolgere i vostri figli e fare qualcosa insieme per stupire? Vi proponiamo una fantastica raccolta di idee fai-da-te che potete fare con bambini più piccoli per meravigliare la vostra mamma, zia, nonna… Lo sanno tutti, che i regali più preziosi sono fatti con le proprie mani. Scegliete l’idea che vi piace di più e osate a realizzarla.

 

 

 

1.      Cartolina-tulipano fatta dai bambini

fiore,tulipano,fai-da-te,regalo, regalo 8 marzo, festa della mamma, compleanno,cartolina.

fiore,tulipano,fai-da-te,regalo, regalo 8 marzo, festa della mamma, compleanno,cartolina.

fiore,tulipano,fai-da-te,regalo, regalo 8 marzo, festa della mamma, compleanno,cartolina.

fiore,tulipano,fai-da-te,regalo, regalo 8 marzo, festa della mamma, compleanno,cartolina.

fiore,tulipano,fai-da-te,regalo, regalo 8 marzo, festa della mamma, compleanno,cartolina.

2. Cartolina con tulipani fatta dai bambini. Alle mamme piacerà moltissimo.

3. Le calle con i dischetti struccanti. Idea originale e facile anche per i più piccoli

calle, fiori, regalo, idee regalo, per mamma, fei da te

calle, dischetti struccanti, idea regalo

calle, fai da te, idea regalo, bambini creano, regali, disco struccante

calle, idee per 8 marzo, festa della donna, dischetti struccanti.

4. Fiori di carta, semplici da fare, belli da vedere

fiori di carta, regalo per mamma, fai da te bambini, lavoretti con le manine

fiori di carta, regalo, lavoretti per bambini, idee regalo

5. Fiori con le impronte delle manine dei vostri figli. Un’idea bellissima, carina da vedere e diventerà un riccordo prezioso. Quando i bambini sono ancora troppo piccoli per creare da soli, le loro manine diventano un vero e proprio strumento per creare le opere d’arte.

fiori con le manine, idea regalo, lavoretti per bambini

6. Farfalla con le impronte delle mani dei vostri bimbi.

farfalla con le manine, cartolina, lavoretti bimbi, regali

7. Cartolina con l’impronta della mano dei bambini. Fatele un look simile al look della mamma.

8. Cartolina – le piccole manine, facile da realizzare.

9. Un’altra idea tenere – cuore con le impronte delle mani.

cuore con le manine, manine, idee regalo, disegni bimbi, lavoretti per bambini

10. Grembiule per mamma, nonna, zia… usando le impronte delle mani e dei piedi. Che capolavoro!

GREMBIULE, IDEE REGALO, IMPRONTE MANI, IMPRONTE PIEDI, LAVORETTI PER BAMBINI

11. La borsa con le impronte delle mani. Potete coinvolgere tutta la famiglia per creare un regalo veramente molto speciale!

12. Un’altra idea di fiori facili da creare con la foto dentro.

FIORI, BAMBINI, LAVORETTI, IDEE REGALO, FESTA

13. Fiori con il filo di lana.

fiori di lana, regalo, idee, top idee, lavoretti bimbi

14. Cartolina fai-da-te.

fiori fai da te, idee regalo.

15. Fiori di plastilina o di pasta di sale. Create ciò che vi piace di più!

mimmosa, fiori, plastilina, idea regalo, 8 marzo,bambini, lavoretti

Buon lavoro e divertitevi!!! Regalate indimenticabili emozioni alle donne che amate con le idee regalo fai-da-te proposte da noi.

Bambini in spiaggia con sicurezza. 10 consigli di buon senso

Estate,  vacanze, sole e mare: splendide giornate da trascorrere insieme ai propri figli. Godere insieme l’estate al mare è meraviglioso, ma non dimentichiamo di alcune regole di comportamento con i bimbi in spiaggia, che ci aiutano a godere in pieno la vacanza senza i dispiaceri.

Sappiamo tutti che il sole “fa bene” stimolando la sintesi della vitamina D, che è così importante per la crescita dei bambini. Inoltre i raggi solari aiutano a migliorare tante malattie della pelle e sono una vera cura nel caso della dermatite atopica.

Come in ogni cosa il “troppo” nuoce alla salute, così anche con i raggi solari si deve fare cautela per evitare: la scottatura cutanea, il colpo di calore, l’irritazioni, la perdita di liquidi (disidratazione)…bimbi al mare, sicurezza in spiaggia, protezione bambini

Dunque, ricordiamoci insieme alcune regole semplici, ma nello stesso tempo d’importanza vitale per i vostri figli.

1.       Evitare l’esposizione al sole diretto dei bambini d’età inferiore di 6 mesi, poiché  non è completa la formazione della melanina, che aiuta a difendere la loro  pelle. Inoltre non è consigliabile l’abbondante uso di creme  protettive, che potrebbero provocare reazioni allergiche.

 

2.       Capo coperto! Il cappellino con la visiera o almeno la bandana devono sempre coprire la testa dei piccoli bambini. Ogni genitore sa com’è difficile far stare i bimbi sotto l’ombrellone o in ombra, quindi la testa va coperta per evitare il colpo di calore.

 

3.       Buona crema solare. Per i vostri figli scegliete i migliori prodotti per proteggere la loro pelle delicata. Sarebbe meglio dare la preferenza alle creme ipoallergeniche con altra protezione solare +50. La crema va spalmata almeno ogni 2 ore e sempre dopo il bagno.crema protettiva, colpo solare, difesa dei bambini.

 

4.       Vestiti di tessuti naturali. Nelle ore più calde sarebbe opportuno mettere una maglietta leggera e libera di tessuto naturale, che lascia evaporare il sudore.

 

5.       Gli occhi vanno protetti. Il sole potrebbe danneggiare gli occhi, questo vale come per gli adulti, così per bambini. Quindi mettere in borsa da spiaggia gli occhiali per bambini con la protezione UV deve essere una regola. Fate attenzione alla scelta degli occhiali da sole, prima di tutto vale la qualità degli occhiali, la loro capacità protettiva, e solo dopo il modello alla moda.

 

6.       Le ore più calde vanno evitate! Tra le 11 e le 17 circa cercate di non esporre i bambini al sole.  Un pisolino in queste ore calde sarebbe perfetto per il vostro pupetto.

 

7.       Bere! Bere! Ancora bere! Quando fa tanto caldo i bambini, come ogni altra persona, sudando perdono dei liquidi. Quindi è molto importante bere, per ricompensare la perdita dei liquidi. L’acqua è sempre la bevanda migliore, con piccoli sorsi e spesso. Così evitate la disidratazione. Inoltre evitate le bevande gassate, troppo dolci e ghiacciate.

 

8.       Alimentazione leggera e reidratante, come frutta, verdura. Evitate cibi pesanti,  fritti e salati.

9.       Costume protegge i vostri bimbi dalle infezioni!

 

10.   Non dimenticate della sorveglianza in spiaggia. Siete gli unici responsabili dei vostri figli, fate attenzione, poiché  la spiagge oltre ad essere un posto di riposo è anche piena di pericoli.

 

Infine, andando in spiaggia, non dimenticatevi di prendere il buon umore e bel sorriso stampato sul vostro viso, per regalare ai vostri cari dei giorni sereni e indimenticabili!!! Buona Estate!!!

Pellicole per auto da interno e esterno

COSA SONO
Le pellicole auto esistono di diversi tipi, possono essere usate sulla carrozzeria o sui fari e sui vetri, ma anche sui cerchi. Le pellicole auto sono un sistema facile per personalizzare l’auto senza dover sostenere costi elevati a causa di elaborazioni grafiche o procedure speciali. Le pellicole auto infatti sono economiche e possono essere utilizzate anche da chi non ha molta esperienza. Nell’ultimo periodo sta prendendo piede la pellicola auto in forma spray, meno resistenti delle pellicole classiche in viinile ma molto più facile nell’utilizzo.

PELLICOLE AUTO: INTERNO ED ESTERNO

Tra le pellicole auto più usate sicuramente il Carbon Look è quello più richiesto, con questo tipo di pellicola si può ricoprire l’intera auto o dei semplici dettagli all’inteno come il vano portaoggetti o la console di bordo. Per quanto riguarda le pellicole auto da interno o da esterno il miglior materiale è sicuramente il vinile perché resistente anche se non è facile da maneggiare. Il vinile è perfetto perché lavabile, resistente e protegge anche la carrozzeria sottostante oltre che abbellirla e personalizzarla. Con le pellicole auto potrete scegliere se fare solo qualche dettaglio, sia esterno che interno o rivestire completamente la carrozzeria e gli interni. Le pellicole auto infatti offrono la massima libertà in termini di personalizzazione.

PELLICOLE AUTO: COME SI APPLICA

Le pellicole per auto per avere una perfetta applicazione devono essere di elevata qualità e devono avere una buona adesione. In alcuni casi si possono trovare pellicole auto dotate di canali d’aria sul retro che evitano la formazione di bolle e facilitano l’applicazione. L’applicazione delle pellicole auto è perfetta se ci si aiuta con il calore e quindi consigliamo di fare l’applicazione in estate perché il calore fa diventare elastiche ed estensibili le pellicole auto. Il calore infatti dilata la plastica e dunque ci si può aiutare con una pistola termica o un asciugacapelli.

Solar2000 S.r.l
SEDE LEGALE:
Corso San Giovanni a Teduccio, 849
80146 Napoli;
Tel: 081 479411 – 081 479726
https://www.solar2000.it/pellicole-per-auto/
SEDE OPERATIVA:
Corso San Giovanni a Teduccio, 928 –
Trav. Castagnola 11 – 80046 Napoli;
Tel: 081 479411 – 081 479726
Fax: 081 481809
solar2000@solar2000.it

Slip femminili storia modelli e caratteristiche

SLIP DONNA : COSA SONO
Con il termine di slip si intende un tipo di indumento intimo di taglio sgambato , ma correntemente il termine slip ha sostituito quello meno amato di mutande. Gli slip possono essere realizzati, oltre che in infinite varianti di colori, anche in qualsiasi tessuto, anche se quello piu’ indicato e anche il piu’ usato rimane sempre il cotone. Praticamente possiamo considerare gli slip l’attuale evoluzione delle mutande che passando attraverso i secoli con alterne fortune sono arrivate ai giorni nostri sotto forma di slip. Il primo indumento di forma quasi uguale agli odierni slip è apparso, indossato sotto il gonnellino di una tennista, al torneo di Wmbledon nel 1949.

SLIP DA DONNA: LE FUNZIONI

La principale funzione che devono assolvere gli slip è quella di proteggere le parti intime evitando il contatto e lo sfregamento con tutto quanto può provocare allergie e irritazioni.Devono, inoltre , assorbire il sudore e favorire la regolare respirazione dell’epidermide, contribuendo a creare un ambiente asciutto. Per questi motivi è consigliabile scegliere sempre slip di cotone o comunque fibre naturali e di colore bianco.

SLIP DA DONNA: I MODELLI E LE CARATTERISTICHE

Tanti modelli di slip sono disponibili ; oltre ai classici slip sgambati, il mercato offre diverse soluzioni , si parte dalle classiche culotte che sono un modello alto in vita che copre tutti i glutei ed arriva fino all’ inizio della coscia; può essere realizzato totalmente in pizzo ma generalmente è realizzato in materiale elasticizzato ed ha funzioni contenitive, poi proseguiamo con la brasiliana che è un modello di slip che si differenzia dal normale slip sgambato per avere la vita piu’ bassa e la parte dietro dell’indumento piu’ assottigliata. Finiamo poi con due modelli particolari il perizoma e il C slip. Il perizoma è uno slip che copre solo la parte davanti e sul retro è composto solo di una sottile striscia di tessuto mentre il C-slip è uno slip a forma di C senza lacci , con struttura autoreggente in grado di fornire la normale protezione di uno slip pur essendo totalmente invisibile anche sotto i capi piu’ spregiudicati.

Baronio Enterprise Company
Via Mazzini, 83
25020 – Alfianello, Brescia
Tel 030 9305951
P.IVA 00710520982
http://www.baronionline.it/donna/intimo/slip.html
Servizio Clienti
info@baronionline.it